La metafora della vita che commuove e coinvolge in scena con “A porta e l’ortu” di Nino Gemelli, applausi per il “Teatro Incanto” al Teatro Comunale di Catanzaro.

Prossimo appuntamento con la stagione sabato 15 gennaio 2022 alle ore 20,30 e domenica 16 gennaio 2022 alle ore 18,30 con  Alex Elton attrice poliedrica e insegnante strepitosa, allieva del Maestro Gigi Proietti

CATANZARO – 13 DICEMBRE 2021. “Mi piacia u penzeri ca cu’ ti vò bena non mora mai… si ‘nda va d’a porta ‘e l’ortu… e basta” (Mi piace il pensiero che chi ti vuol bene non more mai… Se ne va, esce dalla porta dell’orto… e basta). Sono le parole che si imprimono in maniera indelebile nella mente scossa dalla commozione dopo aver visto “A porta e l’ortu”, l’opera più “emozionale” del grande drammaturgo catanzarese Nino Gemelli, che quest’anno compie 30 anni dalla sua prima messa in scena, proprio in prossimità della ricorrenza di Santa Lucia, il 13 dicembre.

Il “Teatro Incanto” – per il terzo appuntamento con la sua stagione, sabato 11 e domenica 12 dicembre al Teatro Comunale di Catanzaro, nel centro del centro storico –  ha voluto festeggiare con il suo pubblico questo piccolo capolavoro, fatto di ricordi e suggestioni concentrati in una splendida metafora della vita e del passaggio attraverso la porta dell’orto, passaggio attraverso il quale, tanti e tanti anni fa, venivano portati fuori i defunti.

Con quest’opera, che in realtà supera i canoni della “classica commedia dialettale” – quelli in cui, per fare un esempio, ci sono moglie e marito, o ancora meglio cummara e cumpara, e in cui il conflitto iniziale volge sempre al lieto fine – Nino Gemelli raccontò con coinvolgente maestria una storia delicata e malinconica, capace di scrutare nei ricordi più teneri, quelli che conservano ancora il calore degli abbracci dei nonni e del braciere che ardeva nelle loro case durante i lunghi pomeriggi invernali, il gusto delle storie e dei dolci consumati assieme alla tavola vestita della candida tovaglia ricamata.

Gemelli racconta la vita del nonno Lorenzo, un uomo anziano e molto solo, la cui esistenza viene rallegrata solo dalla presenza della nipotina Lucia e dei suoi piccoli compagni di scuola. Incastonata come una pietra preziosa all’interno dell’opera stessa, la lirica “A nunna” del poeta calabrese Achille Curcio, che con Gemelli ha sempre avuto un meraviglioso rapporto di amicizia e di scambi culturali e poetici.

 In scena, nella doppia veste di attore e regista, Francesco Passafaro (che del Teatro Incanto e del Teatro Comunale è direttore artistico) che ha dato corpo a nonno Lorenzo con una interpretazione toccante, oltre la bravura a cui ci ha già piacevolmente abituato. Con lui i talentuosi Giada Tafuri , Sara Farrelli , Gregorio Condito, Eleonora Piro. Ed Elisa Condello, nel ruolo di nonna Maria, che interpreta dalla prima messa in scena con Nino Gemelli.

Francesco Passafaro, ha ridato luce a questa commedia facendo emergere un concentrato di emozioni, risate, nostalgie, che si alternano e illuminano  grazie anche alla freschezza dai bambini in scena.

Il prossimo appuntamento con la stagione del “Teatro Incanto” è sabato 15 gennaio 2022 alle ore 20,30 e domenica 16 gennaio 2022 alle ore 18,30 con  Alex Elton, attrice poliedrica e insegnante strepitosa, allieva del Maestro Gigi Proietti, che incanterà il pubblico con uno spettacolo innovativo e straordinario, da non perdere assolutamente. Con Alex, attrice e cantante bilingue, italo/inglese ,diplomata al laboratorio di Gigi Proietti, faremo anche un workshop sul clown, per riscoprire il nostro bambino interiore. 

Per tutte le info utili basta chiamare Carmen allo 0961 741241: prenota il tuo posto nel Centro del centro storico oppure manda una mail a info@ilcomunalecz.it.

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail