3 Novembre -Giornata internazionale delle Riserve della Biosfera MAB UNESCO

L’UNESCO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, ha designato il 3 Novembre come “Giornata internazionale della Riserve della Biosfera”, ovvero i territori e le comunità che in tutto il mondo perseguono lo sviluppo sostenibile a livello locale e globale, e che per questo sono state insignite del prestigioso riconoscimento UNESCO nell’ambito del programma “Uomo e Biosfera” (Man and Biosphere- MAB).
 
Anche la Riserva della Biosfera Sila (https://www.parcosila.it/it/l-area-mab/cos-e.html ) , istituita nel 2014 e riguardante 63 Comuni, nelle province di Cosenza, Crotone e Catanzaro, intende celebrare questa giornata di cui è protagonista assieme alla grande famiglia MAB UNESCO.
 
“Celebrare la giornata mondiale delle Riserve della Biosfera MAB UNESCO – evidenzia con orgoglio Francesco Curcio, Presidente del Parco Nazionale della Sila soggetto coordinatore della omonima Riserva della Biosfera – ci offre la possibilità di ribadire quale sia la nostra mission principale obiettivo: perseguire lo sviluppo sostenibile della Sila, non solo all’interno del perimetro del Parco ma in tutti i 63 Comuni aderenti, coinvolgendo in questo percorso le nostre comunità, con l’obiettivo comune di preservare e l’equilibrio tra l’ esigenza di creare attività socio-economiche e quella di conservare l’eccezionale natura che ci contraddistingue.”
La Sila infatti ottenne il riconoscimento a Riserva della Biosfera non soltanto in virtù della straordinaria varietà di ambienti naturali con differenti microclimi, che assicurano una biodiversità molto importante in tutta la regione biogeografica del Mediterraneo e ricca di specie endemiche e rare, ma anche dell’incredibile ricchezza culturale ed importanti testimonianze storiche e archeologiche.
 
“La dimensione internazionale di questo evento – continua il Presidente Curcio – ci dà l’opportunità di confrontare il nostro operato con quello delle Riserve della Biosfera in tutto il mondo, non certo con spirito competitivo, ma per trarne suggerimenti e stimoli a migliorarsi, così come a cogliere occasioni di partnership e relazioni di alto profilo.”
Le Riserve della Biosfera sono infatti una rete mondiale di eccellenze (738 in 141 nazioni) vocate alla sperimentazione e all’innovazione di modelli socio-economici sostenibili, per attuare a livello locale, con progetti concreti, gli obiettivi globali dell’Agenda 2030 dell’ONU. Si tratta di un network estremamente dinamico e collaborativo come anche dalle 20 Riserve della Biosfera italiane che spesso sviluppano progetti comuni. Un esempio ne è il concorso eno-gastronomico UPVIVIUM, di cui anche la Sila è partner, che stimola e premia i ristoratori ed i produttori agroalimentari delle Riserve della Biosfera italiane che si impegnano nel proporre menù a filiera corta valorizzando le tipicità dei rispettivi territori.
 
“Dal 2014 ad oggi – illustra Barbara Carelli – Direttrice facente funzione del Parco Nazionale della Sila – molti progetti concreti sono stati realizzati dal Parco Nazionale sul territorio riguardante la Riserva della Biosfera della Sila, ciò in cui dobbiamo quindi ora migliorare è il coinvolgimento anche degli altri Enti Pubblici, in primis i Comuni,  e dei soggetti privati del territorio affinché questo importante riconoscimento UNESCO e le opportunità che esso determina diventino patrimonio di una pluralità di attori impegnati per lo sviluppo sostenibile in vari ambiti socio-economici:  dal turismo, alla ruralità e forestazione, dalla tutela della biodiversità, agli stili di vita sostenibili, dall’educazione scolastica alla ricerca universitaria”
Nel corso del 2022 è stato infatti avviato un percorso di riscoperta e valorizzazione della Riserva della Biosfera della Sila, finalizzato a giungere preparati all’importante appuntamento del 2024, quando l’UNESCO valuterà se rinnovare o meno il riconoscimento per altri 10 anni. Per coinvolgere i principali stakeholders del territorio. recentemente è stato realizzato un ciclo di webinar tematici (https://www.parcosila.it/it/l-area-mab/news/2381-online-i-materiali-del-percorso-di-riscoperta-della-riserva-della-biosfera-sila.html) durante i quali sono state evidenziate le opportunità che soggetti pubblici e privati possono cogliere, grazie al riconoscimento UNESCO, nei vari settori socio-economici. È inoltre in corso la raccolta dei progetti, tramite la piattaforma https://forms.gle/jrYTv86TR55j6QHW6 che costituiranno il fulcro del Piano d’Azione della Riserva della Biosfera. Il Piano d’Azione sarà uno strumento partecipato e condiviso con gli stakeholder del territorio, attraverso cui raccontare e definire come saranno declinati a livello locale, gli obiettivi si sviluppo sostenibile globali.  In fine nel corso del 2023 saranno effettuate altre azioni anche per migliorare la comunicazione della Riserva della Biosfera e rendere più efficace e diffuso l’utilizzo del suo brand che è di grandissimo valore.

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail