San Giovanni in Fiore: riaperta dopo 30 anni la struttura della scuola alberghiera, “avrà – ha anticipato l’assessore regionale Gianluca Gallo – l’alta formazione professionale”

«Restituiamo al popolo una struttura che gli appartiene, grazie ad un’intensa sinergia istituzionale fra la Regione Calabria, la Provincia di Cosenza, l’Arsac, il Comune di San Giovanni in Fiore e l’Istituto alberghiero statale della stessa cittadina silana. Si va a concretizzare un sogno di Jole Santelli, la quale amava la Sila e scommetteva sulle sue potenzialità». È quanto ha affermato l’assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo, nel corso della cerimonia per la riapertura dei locali della scuola alberghiera di San Giovanni in Fiore e dell’annesso convitto con 70 posti e 25 nuove figure professionali. «Con il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, la vicepresidente Giuseppina Princi e la presidente della Provincia di Cosenza, Rosaria Succurro, siamo impegnati – ha sottolineato Gallo – al fine di dare ai nostri giovani l’opportunità di formarsi al meglio in Calabria e di restarci per lavorare nella ristorazione e nel settore alberghiero. In questa scuola vogliamo portare presto anche l’alta formazione professionale». «Oggi – ha detto la madrina dell’iniziativa, la presidente della Provincia di Cosenza e sindaca di San Giovanni in Fiore, Rosaria Succurro – è stata una festa emozionante per la comunità locale. Finalmente riparte la scuola alberghiera sangiovannese, che negli ultimi mesi la Provincia di Cosenza aveva ristrutturato in più parti, su mio indirizzo e con una spesa di circa 200mila euro, in modo da riaprirne il convitto ad uso degli studenti dell’Alberghiero statale, che peraltro adesso hanno nuovi spazi per le loro attività didattiche. Ringrazio di cuore tutte le istituzioni che hanno reso possibile questo risultato. Formazione, qualità della ristorazione e promozione turistica sono i perni dello sviluppo su cui puntiamo insieme alla Regione e all’Arsac, che alla Provincia di Cosenza ha concesso i locali della scuola alberghiera, con l’idea di cederglieli dopo». La struttura della scuola alberghiera di San Giovanni in Fiore era chiusa da 14 anni e il suo convitto addirittura da oltre 30 anni. «Pertanto – ha chiarito Pasquale Succurro, dirigente scolastico dell’Istituto alberghiero statale di San Giovanni in Fiore – c’è stato bisogno di grossi interventi: per l’adeguamento degli impianti, per sistemare la copertura e per il recupero di diversi locali. Abbiamo lavorato tutti insieme e con grande spirito di collaborazione».

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail