AfricaAmbienteTurismoUltime NotizieVacanze

Un’estate ricca di nidi di tartaruga marina: record di nidificazioni lungo le coste calabresi

L’estate appena iniziata lungo le coste italiane si prospetta particolarmente ricca di nidi di tartaruga
marina. In Calabria, il primo tentativo di nidificazione è stato registrato il 27 maggio sulla spiaggia
di Brancaleone, in provincia di Reggio Calabria. Questo tratto di costa è ormai da tempo
riconosciuto come una delle più importanti aree di nidificazione per la tartaruga marina Caretta
caretta in Italia. Qui opera attivamente l’associazione Caretta Calabria Conservation, che da anni si
occupa della ricerca e tutela dei nidi di C. caretta deposti in Calabria.
Il lavoro dell’associazione consente a tantissimi piccoli di tartaruga marina di raggiungere il mare.
Come ogni anno, l’associazione ha iniziato a monitorare attivamente le coste calabresi dal mese di
maggio. Volontari e personale esperto si impegnano quotidianamente nella ricerca e tutela dei nidi
di questo antico rettile, incontrando non poche difficoltà. “Le attività di monitoraggio e protezione
dei nidi sono essenziali per la salvaguardia delle tartarughe marine, minacciate da fattori come la
distruzione degli habitat, l’inquinamento e la pesca accidentale,” racconta il Presidente
dell’associazione Giovanni Parise. “Dopo il primo mese di attività di monitoraggio, possiamo
affermare che è stato raggiunto un risultato mai registrato prima lungo le coste calabresi.”
Ad oggi, sono stati messi in sicurezza ben 34 nidi dal personale esperto dell’associazione, e la
stagione è appena iniziata. Il confronto con i dati raccolti da Caretta Calabria Conservation negli
anni precedenti conferma un significativo incremento del numero di nidi rinvenuti nello stesso
periodo, pari al 55%. “Un risultato positivo, che riflette l’efficacia delle attività di monitoraggio e
protezione svolte dal nostro personale esperto e dai numerosi volontari che ogni anno si uniscono a
noi,” continua Giovanni Parise. “L’incremento del numero dei nidi, che si sta registrando in tutta
Italia ed in Calabria in particolare, rappresenta un segnale incoraggiante per la conservazione di
questa specie, minacciata di estinzione a livello globale. I risultati di quest’anno confermano
l’importanza del nostro lavoro e ci motivano a continuare con impegno. Invitiamo le
amministrazioni, la comunità e i media a seguire e sostenere le nostre iniziative future. La
collaborazione di tutti è fondamentale per proteggere e preservare questo prezioso patrimonio
naturale.”

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail