Agora’ Kroton : chiediamo ai nostri sindaci di aprire le porte a chi fugge dall’orrore e da un orribile e molto incerto futuro.

“Salvate il mio bambino!”

È l’accorata, dolorosa e straziante “supplica” che ai soldati rimbomberà in testa, per sempre.

La voce della disperazione di mamme terrorizzate, disperate ed addirittura pronte a rinunciare ai loro bambini pur di non farli vivere nell’orrore talebano.

Quanto vale una vita? Chi o cosa determina il valore di una vita?

Ci siamo spesso professati paladini della libertà quando 20 anni fa abbiamo invaso l’Afghanistan per combattere gli oppressori talebani, mentre ora invece trattiamo con loro, lasciando morire e martorizzare quella stessa popolazione che si era fidata di noi. Si era affidata a noi. Come si fa oggi a lasciare sole, indifese, inermi, tutte quelle donne che hanno avuto il grande coraggio di alzare la testa e combattere per i loro diritti?

Come si fa a non supportare quegli uomini che si sono ribellati a leggi disumane, e come si fa a girare le spalle davanti agli increduli e già troppo vissuti occhi di bambini impauriti da qualcosa che nemmeno conoscono?

Eppure lo abbiamo fatto. Ci siamo voltati, e abbiamo solo fatto finta di preoccuparci. Tra qualche settimana forse tutto sembrerà un film, smetteremo di parlarne perché sui sentenzial-social ci sarà qualche argomento “convenientemente” più esaltante.

Intanto però qualcuno continuerà a morire, qualcuno continuerà a disperarsi in silenzio, ma a noi sembrerà sempre e solo un film. Che inizia, forse ci strappa qualche lacrima, ma poi finisce, e tutto torna come prima. La chiamano normalità…

E allora in quanto esseri umani, in quanto donne e mamme, chiediamo a tutti di non dimenticare.

Non limitiamoci a fare da semplici e lontani osservatori, sperando che non invadano la nostra quotidianità, ma chiediamo con forza ai nostri sindaci di aprire le porte a chi fugge dall’orrore e da un orribile e molto incerto futuro.

Usiamo i mezzi a nostra disposizione per gridare e far comprendere ai politici di combattere per i diritti e la libertà di tutti.

Abbassiamo i toni, troppo violenti, superficiali ed avvelenati, e iniziamo a dare valore ad ogni vita.

Perché in ogni parte del mondo c’è e ci sarà sempre una mamma disperata, e un bambino che soffre senza sapere perché. Da solo.

Firmatari:

Anna Maria Corrado – Portavoce commissione pari opportunità Legacoop Calabria

Francesca Rocca – Agorà Kroton Coop. Sociale

Alessia Romano – già Assessore Politiche Sociali Comune di Crotone

Monica Carvelli – Agorà Kroton Coop. Sociale

Emanuela Graziani – Agorà Kroton Coop. Sociale

Pino De Lucia – Legacoop Territoriale Crotone

Filippo Sestito – Politico

Anna Maria Murgida – Liberamente Coop. Sociale

Maria Anna Ioele – Baobab Coop. Sociale

Daniela Rossi – Cisme Coop. Sociale

Mario Alberti – Legacoop Territoriale Reggio Calabria

Simona Infante – Agorà Kroton Coop. Sociale

Ornella Corrado – Agorà Kroton Coop. Sociale

Ada Spina – Agorà Kroton Coop. Sociale

Noemi Di Lullo – Agorà Kroton Coop. Sociale

Caterina Carvelli – Agorà Kroton Coop. Sociale

Anna Maria Marino – Agorà Kroton Coop. Sociale

Francesca Zizza – Agorà Kroton Coop. Sociale

Giuliana Martire – Agorà Kroton Coop. Sociale

Daniela Basile – Agorà Kroton Coop. Sociale

Marinella Rosa – Agorà Kroton Coop. Sociale

Domenica De Miglio – Agorà Kroton Coop. Sociale

Elisabetta Prinetti – Agorà Kroton Coop. Sociale

Valentina Pujia – Kroton Community Coop. Sociale

Elvira Anania – Agorà Kroton Coop. Sociale

Debora Innaro – Assistente Sociale

Rossella Loprete – Assistente Sociale

Silvana Gagliardi – Assistente Sociale

Alessia Sisca – Associazione Italiana Persone Down

Lidia Bauckneht – Kroton Community Coop. Sociale

Rosalba Cusato – Kroton Community Coop. Sociale

Antonella Loprete – Prociv Arci Isola Capo Rizzuto

Mara Lettieri – Agorà Kroton Coop. Sociale

Federica Messina – Agorà Kroton Coop. Sociale

Adriana Scaramuzzino – Prociv Arci Isola Capo Rizzuto

Pina Notarianni – Prociv Arci Isola Capo Rizzuto

Francesca Fantasia – Prociv Arci Isola Capo Rizzuto

Marianna Barilari – Prociv Arci Isola Capo Rizzuto

Caterina Tambaro – Prociv Arci Isola Capo Rizzuto

Ines De Fino – Prociv Arci Isola Capo Rizzuto

Gabriella Camposano – Prociv Arci Isola Capo Rizzuto

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail