PESCA DI FRODO:
GUARDIA COSTIERA E POLIZIA STRADALE SEQUESTRANO OLTRE
MEZZA TONNELLATA DI “BIANCHETTO”

Nuova operazione di vigilanza lungo la filiera della pesca da parte della Guardia Costiera
congiuntamente alla Polizia Stradale di Crotone.
Alle prime luci dell’alba odierne, infatti, a seguito di una pianificata operazione di vigilanza, il
Nucleo di polizia marittima della Capitaneria di Porto di Crotone, unitamente al personale
della Sezione Polizia Stradale di Crotone, ha sequestrato oltre mezza tonnellata di prodotto
ittico sottomisura illecitamente pescato e diretto ai mercati calabresi.
Invero, dopo attenta e precisa attività di verifica operata lungo la strada statale 106 nel
comune di Crucoli – frazione Torretta – in virtù della sinergia operativa tra i reparti della
Guardia Costiera e della Polizia Stradale, veniva sottoposto a controllo un furgone
isotermico all’interno del quale venivano rinvenuti circa 600 kg di novellame di sarda, la
famosa “nannata” o “bianchetto”. Ultimato il controllo si accertava, per l’esattezza, la
presenza di ben ottanta cassette di piccolissimi esemplari di sardina privi, ovviamente, di
qualsivoglia documentazione che ne attestasse la provenienza e la tracciabilità.
La gravissima violazione, oltre al sequestro del prodotto ittico, ha comportato a carico del
trasgressore calabrese la contestazione di un illecito amministrativo che comporta una
sanzione pecuniaria pari a 25.000 euro. Contestualmente, ad opera del personale della
Polizia di Stato, venivano effettuate le verifiche del caso per quel che attiene il rispetto delle
norme del Codice della Strada.
Il prodotto sequestrato, dopo essere stato dichiarato edibile dai veterinari dall’Azienda
Sanitaria Provinciale di Crotone, è stato devoluto in beneficenza ad Enti Caritatevoli della
Provincia.
Non ci si può, ancora una volta, sottrarre dal rimarcare come quella che sembra una fonte
“tradizionale” di sostentamento per taluni inavveduti pescatori, sia in realtà gravemente
pregiudizievole per l’ecosistema marino e incida in maniera determinante sulla disponibilità
futura della risorsa ittica allo stato adulto; ragioni per cui già da tempo la pesca, la
detenzione e il trasporto di tale specie allo stato giovanile è severamente vietata dalla
normativa comunitaria e nazionale.
Per tali ragioni, i controlli sulla filiera ittica – una delle attribuzioni del Corpo delle
Capitanerie di porto – proseguiranno sia in mare che a terra, anche in virtù della consolidata
sinergia con le altre Amministrazioni dello Stato, nel tentativo di salvaguardare per quanto
possibile l’ambiente, le prospettive di pesca e la salute del consumatore.

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail