Ultime Notizie

AL VIA LA III EDIZIONE DEL CONCORSO LETTERARIO – MARIA ZUMPANO

Pronta a partire la terza edizione del β€œConcorso Letterario – Maria Zumpano”, che da diversi anni vuole richiamare e ricercare quanti piΓΉ artisti professionisti e non sfidandoli a confrontarsi su di un tema che ogni anno vuole porre l’attenzione su un particolare aspetto del nostro esistere. Il Concorso, direttamente collegato al Concerto Teatrale del Primo Maggio, dopo il successo raggiunto nelle scorse due edizioni, sarΓ  suddiviso in due sezioni: β€œPoesia” e β€œNarrativa”. Il tema scelto sarΓ : β€œBriciole di pane quotidiano e di vita vissuta”. Esplorare, reinterpretare e raccontare quei piccoli gesti quotidiani, quei riti quasi religiosi che ogni giorno accompagnano le nostre azioni, premettendo di ricordare momenti non solo conviviali, ma legati alla nostra storia, al nostro essere.

β€œPensiamo a una scena che si ripropone ogni giorno: briciole di pane rimaste sul tavolo dopo pranzo. Le si guarda appena, con noncuranza, con l’istinto immediato di spazzarle via. La pagnotta che prima era sana e armonica, pronta a nutrirci, adesso Γ¨ frantumata, quasi sgradevole, e le briciole diventano cosΓ¬ il segno tangibile di ciΓ² che era e non Γ¨ piΓΉ; ma cosa succederebbe se ci fermassimo a riflettere? Se quelle briciole diventassero piccoli spiragli di speranza rimasti dopo una grande delusione? O briciole di amore che non si riesce a spazzare via dopo una relazione finita? O briciole di felicitΓ  rimaste nascoste in qualche angolo di cuore, sparse qua e lΓ , in una vita difficile? O ancora, briciole di ricordi di una vita vissuta? Le spazzeremmo via facilmente? O le custodiremmo gelosamente come resti di qualcosa che ci ha nutrito l’anima e ci ha arricchito la vita, cosΓ¬ come la pagnotta? Il cibo Γ¨ inscindibile dalla vita per motivi di sopravvivenza. Molto spesso, perΓ², i gesti quotidiani legati al cibo, come spazzare via le briciole, diventano automatici e monotoni: lavoriamo per procurare soldi per fare la spesa per preparare i pasti da consumare. Colazione, pranzo, merenda, cena: riti quotidiani che scandiscono la giornata; pranzi per le feste che scandiscono l’anno. Dimentichiamo che il cibo Γ¨ vita, e la sua preparazione Γ¨ atto sacro. Vi invitiamo a raccontarci la vita attraverso la gastronomia – anche un accenno

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail