Comitato Italiano Genitori Pans Pandas Bge l inizio di una nuova era

L’occasione si è presentata per discutere e presentare questa sindrome poco conosciuta con una riunione della commissione in cui è stata ospite la dott.ssa Cristiana Maria Giungato, la quale ha completato il suo percorso di studi presso l’Università della Calabria culminato con una tesi proprio sulla sindrome pans pandas e le metodologie di intervento pedagogico, con una dedica particolare al Comitato Genitori.
 La Dott.ssa Giungato, ha potuto vivere e conoscere direttamente questa sindrome grazie ad un piccolo membro della sua famiglia e della sua mamma, membro attivo del Comitato. Questa esperienza ravvicinata ha dato modo di poter comprendere effettivamente da vicino lo tsunami che questa sindrome comporta per un bambino che ne viene colpito e la sua famiglia. Da questa esperienza è stata elaborata e discussa una delle prime tesi in Italia sull’argomento che segna l inizio di una nuova era in cui la sindrome pans pandas non essendo ancora stata riconosciuta dallo stato nonostante lo sia dall OMS, inizia però ad essere presente nelle Università ed anche a livello medico. Grazie a questa tesi si potrà iniziare a fare progetti di informazione e formazione autorevoli a tutti coloro che ancora non la conoscono e che pone il focus sulla necessità di ricercare nuove metodologie educative a supporto dei bambini.Nel corso della riunione, sono intervenuti Maria Teresa Facino  e Stefania Lessio rispettivamente Consigliere e Segretario del Comitato Italiano Genitori pans pandas bge per i doverosi ringraziamenti alla dott.ssa Giungato del lavoro svolto e per la particolare dedica iscritta nella tesi di laurea, nonché a tutti i membri della Commissione pari opportunità, e soprattutto il Sindaco di Crotone Vincenzo Voce. 
Considerata la delicatezza del tema, così importante e così ancora estremamente sconosciuto, Il Comitato Genitori Pans Pandas Bge è estremamente grato del sostegno che le autorità e la comunità Crotonese manifestano concretamente con il proprio impegno. 

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail