Crotone: Provoca un incendio nella propria abitazione: tratto in arresto

Nell’ambito degli ordinari servizi di controllo del territorio, nei decorsi giorni, i poliziotti della Squadra Volante hanno tratto in arresto un cittadino crotonese quarantatreenne per aver cagionato un incendio alla propria abitazione.

Nello specifico, gli operatori venivano inviati dalla locale Sala Operativa nei pressi di un condominio, per una segnalazione di un incendio provocato da un uomo che si trovava ancora sul posto.

Giunti sul posto, gli operatori notavano immediatamente del fumo provenire dal quarto piano di un’abitazione, riuscendo sin da subito ad individuare il luogo dell’incendio in corso.

Gli agenti a quel punto si addentravano nel palazzo dove, appena fuori dalla porta, vi era un uomo che ammetteva di essere stato l’autore del gesto delittuoso.

I Poliziotti dopo aver completamente evacuato il palazzo procedevano a verificare che nell’appartamento in questione non vi fossero altri soggetti e, poco dopo sopraggiungeva l’equipaggio dei Vigili del Fuoco che provvedeva a spegnere l’incendio prima che le fiamme potessero avvicinarsi pericolosamente alle condutture elettriche e del gas.

Le operazione di evacuazione procedevano senza sosta, con le difficoltà del caso, dettate dalla presenza di condomini disabili ed anziani e venivano rimosse anche le automobili sotto il palazzo per motivi di sicurezza.

Il personale dei Vigili del Fuoco che giungeva finalmente sul posto, con le adeguate attrezzature, riusciva a sfondare l’ingresso principale accertandosi che all’interno non vi fossero più persone e procedendo alle operazioni di spegnimento delle fiamme che venivano domate dopo alcune ore, mettendo in sicurezza l’intero edificio.

Il soggetto, dopo essere stato perquisito, veniva trovato in possesso di due accendini e quindi veniva tratto in arresto.

Su disposizione della competente A.G., l’uomo veniva condotto presso la Casa Circondariale di Crotone in attesa di ulteriori determinazioni.

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail