Giornata Mondiale della Prematurità 17 novembre 2021 – il programma di Reggio Calabria.

Il 17 novembre è la Giornata Mondiale della Prematurità. In Italia e nel mondo un
bambino su dieci nasce prematuro. Nel nostro paese, ogni giorno nascono quasi 100
bambini prematuri o con patologie che necessitano di un periodo di ricovero in Terapia
Intensiva Neonatale e che quindi inevitabilmente sono separati dai propri genitori.
Il colore viola è il leitmotiv di questa giornata e anche quest’anno saranno illuminati
di viola i monumenti, gli edifici, le fontane di tantissime città in Italia, come in tutto il
mondo. Il significato di questa luce è molto importante perché ricorda ed informa i
cittadini sulla prevenzione del parto pretermine, sempre più un problema di attualità,
sulla nascita prematura e sul percorso di crescita dei bambini costretti a vivere i primi
giorni della propria vita in una culla termica. Sono bambini fragili, ma allo stesso tempo
dei piccoli lottatori che spendono incredibili ed inaspettate energie per vivere.
Anche Reggio Calabria celebra l’evento, su iniziativa dell’Associazione per la
Neonatologia “Eracle”, operante presso il Grande Ospedale Metropolitano di Reggio
(www.eracleonlus.it) ed associata al Coordinamento nazionale delle Associazioni di
Neonatologia “Vivere”. A sua volta, “Vivere” fa parte della Fondazione Europea
EFCNI European Foundation for the Care of Newborn Infants (www.efcni.org)
operante nell’intero globo.
Anche Reggio, dunque, si tingerà di viola illuminando il Teatro “Francesco Cilea”. La
Giornata di domani coincide con un evento che rappresenta per l’associazione reggina
il coronamento di un percorso di accoglienza ed assistenza delle famiglie dei bambini
ricoverati presso il reparto di Neonatologia del GOM: sarà infatti inaugurata la Casa
di Eracle, un immobile confiscato, in cui sarà possibile ospitare fino a tre famiglie
contemporaneamente. Sono tanti i genitori provenienti dalla provincia reggina costretti
ad affrontare problematiche e disagi non indifferenti, pur di poter stare accanto ai propri
piccoli. Un diritto, quello del contatto bambino-genitori, sancito dalla Carta dei Diritti
del nato prematuro, ma non sempre rispettato, fra le mille contraddizioni del sistema
sanitario del nostro paese. Una casa ad un passo dall’ospedale sarà un sostegno
importantissimo a questi papà e a queste mamme, supportati dai genitori di Eracle che,
come loro, hanno già vissuto l’esperienza di ricovero dei propri piccoli nella TIN di
Reggio.
La giornata di domani 17 novembre prevede alle 9.30 un momento presso lo stesso
reparto di Neonatologia. Alle 10.00, presso l’Aula “Spinelli” del GOM,
l’Associazione, presieduta da Arturo Callegari, unitamente alla dirigenza
dell’ospedale, il Commissario straordinario Dott.ssa Ing. Iole Fantozzi, il Dott.
Salvatore Costarella, Dir. Sanitario aziendale ed al Responsabile ff della UOC di
Neonatologia-TIN-Nido, Dott.ssa Isabella Mondello, presenteranno alla stampa i
progressi nel campo della Neonatologia e sensibilizzeranno al tema della prevenzione
del parto prematuro.
A seguire, l’atteso momento del taglio del nastro presso la Casa di Eracle sita in Via
Rausei 10/A di Reggio Calabria, alla presenza del Sindaco Giuseppe Falcomatà e
dell’Ass. Finanze e Tributi Irene Calabrò. Benedirà la casa il Sac. Antonino Bacciarelli.
Compatibilmente con le restrizioni imposte dalle normative anti-Covid, i soci di Eracle
saranno felicissimi di condividere con i tantissimi sostenitori e simpatizzanti questo
importante momento del percorso associativo.
il Presidente dell’Associazione “Eracle”
Arturo Callegari

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail