MAIDA “Restauro conservativo di Palazzo Vitale” per un importo di 800.000 euro, il sindaco Paone ha firmato il disciplinare ministeriale

Continua l’impegno dell’amministrazione comunale di Maida nell’intercettare finanziamenti da destinare al recupero del patrimonio storico-architettonico. Il sindaco Salvatore Paone ha firmato ieri il disciplinare ministeriale che prevede il “Restauro conservativo di Palazzo Vitale” per un importo di 800.000 euro a valere sulle risorse del fondo cultura del MiC e riferito al decreto del segretario generale del 12 gennaio 2022. L’intervento complessivo ammonta ad un milione di euro. La Città di Maida è risultata terza nella graduatoria finale tra tutti i comuni partecipanti al bando nell’area del Meridione. Solo 54 gli enti finanziati in tutta Italia e Maida unico Comune beneficiario nella Regione Calabria. 

Questo risultato nasce da un lungo lavoro di programmazione e di definizione di un dettagliato progetto esecutivo, lavoro coordinato dal Responsabile dell’Ufficio Tecnico Francescantonio Michienzi, per recuperare uno dei più belli e importanti palazzi del centro storico.

“Di fatto, dopo trent’anni dall’acquisizione al patrimonio comunale di questo storico palazzo l’attuale amministrazione è riuscita nello scopo di ottenere i primi e reali fondi che serviranno per salvare e mettere in sicurezza e avviare il recupero dell’immobile – spiega il sindaco Paone -. Con questo ennesimo finanziamento sono oltre sei i milioni di euro di finanziamenti confluiti nelle casse comunali e ottenuti nel corso dell’attuale consiliatura, frutto di un continuo impegno dell’amministrazione comunale e degli uffici preposti.  Nelle prossime settimane spiegheremo altri progetti in itinere e quanto stiamo portando avanti, nonostante le difficoltà e gli inevitabili freni burocratici dovuti al particolare periodo che tutti i comuni stanno attraversando e che ci trasciniamo ormai da due anni”.

Intanto continua l’adesione del Comune di Maida ai svariati bandi riferiti ai fondi PNRR che proprio in questi mesi sono partiti e consentiranno nei prossimi anni di ridefinire e rigenerare l’intero territorio comunale.

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail