Comunicato Stampa Gruppo Consiliare Minoranza Comune Stilo “Avanti Insieme”

Il Gruppo Consiliare di Minoranza “Avanti Insieme” del Comune di Stilo esprime sgomento per la grave ed inaudita violenza che ha turbato la cittadina e l’intera Vallata dello Stilaro, manifestando solidarietà e vicinanza a tutte le persone che direttamente l’hanno subita.

Sabato 8 ottobre sarà un giorno che resterà a lungo nella memoria di queste comunità per la violenza che ha frantumato la quiete domestica di una nostra concittadina, quasi novantenne, e la tranquillità della sua famiglia.

Ad andare in frantumi sono state le certezze del vivere civile per la ferocia con la quale è stata consumata una violenza carnale su una persona anziana, malmenata e imbavagliata, in seguito al tentativo di derubarla.

La circostanza che vuole autore dello spregevole gesto un giovane extracomunitario di 21 anni, originario della Costa d’Avorio, entrato in Italia da clandestino da circa un anno e mezzo, e domiciliato a Monasterace da circa sei mesi, accentua la paura e la diffidenza, non già per la naturale predisposizione a considerare sempre gli stranieri responsabili dei peggiori misfatti, ma per il susseguirsi di fatti di cronaca che sempre più svelano il volto nascosto di una politica fallimentare dell’accoglienza.

Il loro girovagare senza meta e apparentemente senza obiettivi per le vie e per le contrade di queste cittadine, che hanno aderito alle proposte di ospitalità avanzate dalle Prefetture, certamente non supporta processi inclusivi anzi alimenta le distinzioni e le chiusure a riccio a difesa ognuno del proprio mondo.

Nei fatti si registra tra Centri di prima accoglienza e Centri di seconda accoglienza un corto circuito che non produce né controllo e neanche accoglienza, né puramente assistenziale e men che meno integrativa.

Resta solo una diffusa emarginazione nella quale trova fonte la rabbia che alimenta la violenza.

Essendo prioritaria la centralità della persona, le accoglienze, le quali non possono garantire la dignità degli esseri umani, la sicurezza e l’incolumità di tutti, devono cessare!

Le accoglienze devono essere regolamentate, controllate e finalizzate e i Sindaci, di concerto con le preposte autorità, devono promuovere iniziative virtuose che possano favorire la civile convivenza.

Auspichiamo che venga convocato un Consiglio Comunale di solidarietà, aperto alla cittadinanza, per rassicurarla ed ascoltarla, nella consapevolezza che i fenomeni sociali necessitano di riflessione larga e condivisa.   

I Consiglieri Comunali Giuseppe DUVA, Romina LEOTTA e Antonio MARRAPODI

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail