Associazione Libere Donne: a Crotone, la solidarietà per le donne è strumentale e superficiale

Succede già da un po’, per non dire da sempre. 

Succede che il rispetto e la solidarietà nei confronti delle donne, soprattutto nella nostra città abbia purtroppo acquisito i contorni di un “sentimento” geografico e temporale. 

Cerco di spiegarmi meglio, e l’occasione per farlo me la consegna proprio il grande e giusto risalto che si sta dando in queste settimane alla tremenda situazione che le donne iraniane sono costrette a subire. 

Una dolorosa e umiliante condizione di assoluta privazione di tutti i diritti, che le colpisce moralmente e fisicamente, oltre ogni immaginabile limite. La completa negazione della libertà, dell’essere donna, e di vivere un’esistenza quantomeno dignitosa. 

Premesso doverosamente ciò, e tornando alla nostra realtà, non posso però fare a meno di esternare il modo piuttosto discutibile ed improbabile, col quale il mondo istituzionale e politico affronta e veicola la difficile problematica legata alla condizione sociale della donna, ovunque ed in tutti i contesti. Un modus operandi a mio modo di vedere, superficiale e purtroppo anche strumentale. 

Certo, non voglio fare di tutta l’erba un fascio, ma non ci si può ricordare della donna, soltanto quando un caso fa notizia, quando fa “comodo”, o addirittura per meri e tristi scopi politici. 

No miei cari, non funziona così. Il sociale è sempre, è tutti i giorni, e soprattutto ritengo che si dovrebbe opportunamente iniziare dalla realtà in cui viviamo ed operiamo, cioè dalla nostra città. 

Ma avete la più pallida idea di quante donne a Crotone, hanno quotidianamente bisogno di soccorso, aiuto morale ed economico, di un supporto psicologico e legale, ed in alcuni casi anche di generi di prima necessità e di un tetto sotto cui dormire? 

Donne segnate da una vita ingiusta e dolorosa, piegate, ferite, sole e disorientate. 

Donne crotonesi, come quelle ucraine, iraniane o siriane. Donne. 

Ecco, io dico che prima di tutto bisognerebbe mettere da parte smanie di “protagonismo”, superficialità ed approssimazione, ed aiutare invece concretamente queste donne, attraverso un impegno serio, competente, costante, e se possibile sinergico. 

Perché dove non arriva una mano, ci può arrivare l’altra, e tutte e due insieme possono fare tanto. 

Si contendono un “posto al sole” a suon di inutili parole, polemiche e  comunicati stampa, mentre le donne che ogni giorno subiscono soprusi e violenze, piangono. 

Risvegliate le vo stre coscienze, e date retta al vostro  cuore.

Caterina Villirillo 

Presidente Libere Donne Crotone

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail