Cosenza: il colonnello Calcagni incontra gli studenti del Brutium.

«Ritengo una grande lezione di vita la testimonianza del colonnello Carlo Calcagni nell’aula magna del plesso cosentino Pezzullo, davanti a studenti attentissimi e partecipi». Lo afferma, in una nota, la presidente della Provincia di Cosenza, Rosaria Succurro, intervenuta all’iniziativa «Mai arrendersi», organizzata dall’istituto scolastico Brutium di Cosenza nell’ambito dell’evento «Pedaliamone a Sud», promosso dall’associazione Mondo Edison. «Soprattutto oggi, in cui tende a prevalere un pericoloso nichilismo pedagogico e culturale, ai giovani bisogna dare – prosegue Succurro – esempi e modelli positivi, insegnare loro che la vita merita di essere vissuta fino in fondo, nonostante i problemi e le difficoltà. Il futuro delle nuove generazioni si costruisce in primo luogo nelle scuole, abituando i ragazzi a scoprire e attuare le loro potenzialità e la loro forza interiore; anche – precisa Succurro – grazie al racconto di storie di resilienza come quella del colonnello Calcagni, vittima del dovere che salvò tante vite umane e oggi convive, praticando sport e trasmettendo ovunque coraggio e motivazioni, con una grave malattia contratta in servizio». Alla vita bisogna restare «sempre aggrappati», è il messaggio che Calcagni ha lanciato ai giovani del Brutium, chiedendo a Succurro di poter parlare, in una tre giorni dedicata, in altre 11 scuole superiori del Cosentino. «La presenza del colonnello – conclude la presidente della Provincia di Cosenza – lascia un segno indelebile. Il tempo, ha significato, è la risorsa più preziosa che abbiamo. A volte lasciamo scappare la vita in un attimo o possiamo distruggere quella degli altri. Non ci si deve piangere addosso per ciò che non si ha più, ma, ci ha ripetuto Calcagni, si deve valorizzare ciò che ci resta».

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail