Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Giuseppe Martino ad Occhiuto: “Sono crotonese di nascita e fiero di essere calabrese….Signor Presidente…. esiste la Calabria Jonica…Oggi, Lei Presidente mi ha bloccato sui social…”

Giuseppe Martino

Piazza Mario Ciliberto, 24 88900 Crotone (KR) Cell. 3209061209

Illustrissimo Presidente,

Sono crotonese di nascita e fiero di essere calabrese.

Con immenso orgoglio promuovo la mia terra sia nella mia vita reale sia sui social, unico strumento concesso ad un semplice cittadino come me. Il messaggio che diffondo quotidianamente è: “La Calabria è la mia bellissima terra”.

Le scrivo, oggi, perché, In questi mesi seguendo la sua pagina e vedendo alcuni post, ho provato tanta rabbia che educatamente ho sempre espresso nei commenti quando l’ho vista parlare di tanti temi ma mai concretamente veder qualcosa di nuovo nella mia realtà.

Oggi, illustrissimo Presidente quella rabbia è diventata immensa ed enorme delusione perché sotto ogni post ho commentato ricordando, soprattutto, la Calabria Jonica da sempre dimenticata, illusa e delusa.

Sotto ogni suo post, Le volevo ricordare un lato della mia terra che vive peggio di 100 anni fa.

Una costa che sembra maledetta nonostante sia bellissima ed i suoi cittadini abbiano un cuore enorme, sempre pronto all’accoglienza ed al sacrificio.

Nei miei commenti Le ricordavo lo stato della sanità sulla costa jonica ma anche lo stato delle infrastrutture di trasporto ormai datate al 1800.

Tante promesse in questi decenni, tante illusioni ed oggi viaggiamo peggio di 40 anni fa mentre il sistema sanitario pubblico è stato scardinato tanto da essere quasi inesistente sulla costa jonica.

Nei miei commenti mai offensivi, lo testimoniano i tanti like che prendevano, le ricordavo tutto questo, illustrissimo Presidente solo per attirare la sua attenzione verso una Calabria troppo dimenticata e troppo bistrattata.

Illustrissimo Presidente, ho sempre commentato esprimendo il mio pensiero da calabrese innamorato della propria terra, forse è stata questa la mia colpa, forse nella sua Calabria bisogna stare in silenzio vedendo i nostri figli andar via, abbandonare le nostre case, e lasciare noi genitori soli in un territorio dove non è possibile neppure scrivere al proprio Presidente!

Oggi, Lei Presidente Roberto Occhiuto mi ha bloccato sui social, questo mi ha sinceramente amareggiato e deluso, significa che la massima istituzione in Calabria prende le distanze da chi le mostra una realtà che lei forse vuol ignorare o proprio ignora. Purtroppo, Signor Presidente non sono capace di dire “va tutto bene” se nella mia meravigliosa terra in cui vivo per percorrere 100 km di strada si impiegano 3 ore e si rischia la vita così come non sono capace di applaudirla se per il minimo problema sanitario devo andar ancor oggi lontano dalla mia regione.

Le chiedo scusa pubblicamente per aver osato ricordarle l’esistenza della Calabria Jonica. Ora lei non leggerà più i miei commenti ma la mia realtà rimarrà sempre quella di una costa jonica bellissima ma inaccessibile e dimenticata anche dal suo Presidente.

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail