Il dott. Alfonso Rende è il nuovo Segretario Generale della Provincia di Cosenza

Subentra al dott. Peppino Cimino, in quiescenza da oggi.

Cambio di guardia nella sede della Segreteria Generale della Provincia di Cosenza fra il dott. Peppino Cimino, in quiescenza da oggi, e il dott. Alfonso Rende nominato dalla Presidente Succurro quale nuovo Segretario titolare di questo Ente con decreto n. 23 del 30 giugno ultimo scorso.

Il dott. Alfonso Rende ha preso servizio oggi, venerdì primo luglio, presente anche il dott. Peppino Cimino intervenuto per il rituale passaggio delle consegne; nel corso della mattinata, inoltre, il nuovo Segretario ha incontrato i dirigenti e il personale, intrattenendo brevi e cordiali colloqui con ognuno.

La Presidente della Provincia, che ha incontrato il dott. Rende nella serata di ieri per la notifica e l’accettazione del decreto di nomina, oltre a dare il benvenuto al Segretario Generale e ad augurargli buon lavoro a nome di tutta l’Amministrazione, ha sottolineato «la centralità e l’importanza della sua figura, non solo quale autorevole supporto della Presidenza e dell’Amministrazione in generale ma anche per il necessario coordinamento del lavoro dei Dirigenti dell’Ente. Conosco personalmente la professionalità, la determinazione e la laboriosità del dott. Rende, da oggi al servizio e a beneficio dell’Ente e quindi delle nostre comunità».

Il dott. Alfonso Rende è Segretario comunale, iscritto in fascia apicale A del relativo Albo, abilitato alla titolarità nelle segreterie generali di comuni con popolazione superiore a 65.000 abitanti e riclassificati, nei capoluoghi di provincia e nelle province. Laureato in Giurisprudenza con indirizzo giuridico-amministrativo presso la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali (LUISS) “Guido Carli” di Roma, è abilitato alla professione di Avvocato; è inoltre in possesso di specializzazione post-laurea in diritto amministrativo e scienza dell’amministrazione e di abilitazione all’insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche nella scuola secondaria superiore.

Facebooktwitterlinkedinrssyoutube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail